Informativa sull'utilizzo dei Cookies

Una strada per Pino!

daniele troisi<<Nce’ permesso…? Ue’ Pinù, e tu che ‘nce faj accà?>> Risponde un omino piccirillo cu ‘a vucchella storta, nobile di nascita e di cuore…E Pinuccio a lui:<<Principe, dint ‘a nuttata m’ha fatto male ‘o core, aggio avuto paura assai…poi, all’ improvviso…è fernute tutte cose, e m’aggio sentuto liggiero liggiero, comm’ a n’auciello purtato do vient e so’ arrivato ca’>>. Il Principe gli sorride e gli dà una carezza, poi s’avota e chiamma: <<Eduà, Peppì, Massimù currite! Venite e vedè chi ‘nce sta?>> I tre accorrono e quann o verene s’arrestano e botto: <<Pinù, ma si tu?>> Addimanna o ricciulillo, ancora incredulo…Ed il grande maestro gli posa na mano ncopp’ a spalla e gli sussurra: <<Arapimm’ stu sipario…si va in scena!>>

(Rosanna Tremante, attivista M5S San Giorgio a Cremano)

E’ questo il siparietto che, più o meno, ci piace immaginare quando, dopo un lungo viaggio, il nostro Pino raggiunge l’amico di sempre Massimo, assieme a tutto il reame di Napoli!

Napoli perde la sua voce ma il ricordo della sua arte coniugata ad elegante poesia riecheggerà nei secoli: Pino Daniele vivrà per sempre!

E proprio nel segno indelebile lasciato dal cantastorie napoletano che proporremo all’Amministrazione comunale di intitolare una strada alla memoria di Giuseppe Daniele detto “Pino”.

Nei prossimi giorni raccoglieremo le adesioni per poter presentare in Consiglio comunale una mozione che impegnerà il Sindaco e la Giunta ad individuare un luogo della memoria.

“Na tazzulella ‘e cafè | Acconcia a vocca a chi nun po’ sapè | E nuje tiramm annanz ch’è rulur ‘e panz | E ‘nvec ‘e c’aiuta c’abboffan ‘e cafè.”

(da Na tazzulella ‘e cafè, 1977)

 

Ciao Pino!

Lascia un commento