Informativa sull'utilizzo dei Cookies

Trasporto urbano su gomma, tra disservizi e proposte…

risposta provincia

Che a San Giorgio a Cremano vi sia un problema legato alla viabilità è cosa nota ai più. Già in passato ci occupammo delle criticità del trasporto pubblico urbano ed extra urbano (promuovendo un Consiglio comunale monotematico), incapace di coprire adeguatamente l’esiguo territorio sangiorgese ed assicurare una puntualità negli orari di arrivo e partenze degli autobus.

Così dopo la questione Circolari, ecco spuntare un nuovo misfatto………

Relativamente al ripristino della linea auto filoviaria 256, l’ANM si è trovata costretta ad arrestare la stessa al deposito di Croce del Lagno non potendo, per problemi di viabilità legati alla parziale chiusura di Via Botteghelle, giungere al capolinea storico di Piazza della Pace (oggi Piazza Cautela). La Provincia, al quale ci siamo rivolti, ha più volte richiesto un incontro, come emerge dalla documentazione fornitaci dall’Ente di Piazza Matteotti (vedi foto), con esponenti dell’Amministrazione comunale, allo scopo di concordare tempi e modalità di riapertura del tratto di strada adiacente Villa Pignatelli. Una prima riunione, risalente al 28/12/2012, vide impegnati i rappresentanti comunali nonché i delegati dell’azienda interessata; con il sopralluogo, fu dichiarata l’impossibilità di procedere all’erogazione del servizio di trasporto in condizioni di regolarità.
Dopo questo incontro, seguirono poi numerose sollecitazioni da parte dei vertici dell’ANM: si chiedeva, in particolar modo, di valutare la possibilità di autorizzare ugualmente il passaggio del filobus, previa realizzazione di interventi sulla rete stradale e sul marciapiedi esistente. A queste richieste, tuttavia, non è seguita alcuna risposta da parte delle “alte cariche sangiorgesi”.
Il Sindaco, dopo le pressioni da noi esercitate, ha ritenuto necessario, tramite il suo portavoce, convocare una serie di incontri, ai quali  ha preso parte anche il nostro Consigliere Danilo Cascone, al fine di rimodulare, di comune accordo con l’ANM, alcune tratte in particolar modo la linea del 156.

La proposta messa sul tavolo dall’ANM, tramite l’ingegnere Annunziata, prevede una modifica totale alla linea “156” la quale non toccherà più la zona del Corso San Giovanni per finire nell’area del “parcheggio Brin” ma in sostanza cambierà fisionomia effettuando un percorso “circolare”, collegando così la Stazione della Circumvesuviana di Barra (possibilità di interscambio), l’ASL di Barra, il distretto scolastico del “laghetto” a San Giovanni a Teduccio e soprattutto Croce del Lagno consentendo così l’interscambio col famoso filobus “256”.
La lunghezza della tratta nel totale scenderà, a causa di limiti kilometrici imposti dalla Regione, dai 21 km attuali ai 17 km. Sulla nuova linea, la quale cambierà denominazione in “159”, dovrebbe essere aggiunta, da parte di ANM, una ulteriore vettura.
L’accorciamento kilometrico e l’incremento di una vettura sul nuova tratta del 159 dovrà permettere di abbattere i tempi di attesa medi da parte dell’utenza, dai 40 minuti attuali a circa 20 minuti.
Diversi però saranno i punti cittadini non toccati dalla futura linea durante l’attraversamento cittadino, come ad esempio la zona alta di Via Pittore-Viale Formisano e tutto il distretto di Via San Martino.
A tal proposito il nostro Consigliere Cascone, ha reputato, durante gli incontri convocare anche la Società EAV la quale attualmente gestisce il servizio di trasporto urbano (circolari) al fine di consentire un collegamento più capillare sul territorio.

Gli incontri, allo stato attuale, si stanno tenendo ogni 15 giorni circa. Queste le criticità che segnaleremo agli operatori del trasporto locale su gomma:

1. Disservizi delle circolari urbane EAV bus (dovrebbero essere in esercizio 3 linee, ma ne funziona solo una!);
2. Carenza di comunicazione con l’utenza;
3. Redistribuzione delle fasce orarie;
4. Riprogettazione delle linee relative alle circolari urbane EAV bus.

Come sempre vi terremo aggiornati augurandoci che il servizio erogato alla cittadinanza, attualmente abbastanza scadente, migliori considerevolmente.

Lascia un commento