Informativa sull'utilizzo dei Cookies

Mi costi, ma quanto mi costi?

spot-sip-mi-ami

Mi ami, ma quanto mi ami? Mi costi, ma quanto mi costi?” Così recitava uno spot Telecom negli anni ’90.
Al Comune evidentemente non devono essere grandi estimatori della TV di quel tempo. Hanno perso così l’occasione di sapere che le telefonate, anche se istituzionali, hanno un costo a volte “salato”.

Parliamo di una mega bolletta telefonica cui il Comune ha provveduto a pagare in tre comode rate. L’ultimo atto di questa storia risale a Marzo di quest’anno, quando è stata liquidata a Telecom la somma “scontata” di € 212.251,50! Sì, avete capito bene, 400 milioni circa delle vecchie Lire.

 

stress_telefono

 

Dopo aver chiesto lumi sull’esborso e soprattutto i dettagli delle fatture, ricevevamo solo un riscontro parziale dal settore avvocatura. Tale comportamento omissivo da parte del settore “nuove tecnologie” è stato oggetto di una denuncia alla procura della repubblica (art. 328 C.P. – Rifiuto di atti d’ufficio. Omissione).

Dalla lettura degli atti giunti a noi abbiamo riscontrato che negli ultimi 10 anni sono susseguite un’azione legale (persa), un’ulteriore diffida di pagamento e alcune fatture economicamente rilevanti (oltre i 90.000 €). Difficile fare luce sul perché di tali cifre non essendoci nessun dettaglio nei documenti ufficiali in nostro possesso (presenti solo il numero della fattura e la cifra da pagare). Da capire anche il perché del contenzioso legale e del notevole ritardo nel pagare le fatture a Telecom S.P.A. tanto da ricevere la lettera di un legale per recuperare il credito vantato.

Il Movimento 5 Stelle cittadino, nella persona del nostro instancabile Consigliere Cascone, ha presentato per questo un’interrogazione per fare luce sulla stravagante bolletta. C’è da chiedersi (e l’abbiamo fatto) anche perché negli anni scorsi non sia stato improntato un piano economico volto al risparmio delle bollette telefoniche. Leggi qui il testo della interrogazione depositata a Luglio scorso.

Come sempre vi terremo aggiornati sugli sviluppi sperando di non trovare strane sorprese a Settembre quando, di ritorno dalle vacanze, la cittadinanza si avvierà a riprendere la normale vita quotidiana.

Lascia un commento