Pensavo fosse amore, invece era un calesse…

Mai titolo fu più appropriato per definire la ”falsa partenza” del PREMIO MASSIMO TROISI!

Tutti noi abbiamo sperato che l’annunciata ripartenza del Premio dedicato a Massimo Troisi e la costituzione del relativo CdA fosse finalmente “amore”, ma l’illusione è durata poco!

Infatti una sentenza della Corte dei Conti ha condannato Salvatore Petrilli, attuale presidente del CDA, al pagamento di € 12.500,00 nelle casse del Comune di San Giorgio a Cremano, poiché nel 2012, in qualità di assessore al Bilancio, durante l’amministrazione Giorgiano, insieme al dirigente Vincenzo Falasconi, avrebbe autorizzato e pagato con soldi pubblici (cioè di tutti noi!), proprio a ridosso della campagna elettorale, un opuscolo informativo sulle attività ed i risultati della Giunta.

A seguito dell’azione intrapresa all’epoca dai consiglieri Aquilino Di Marco, Alessandro Longobardi, Giuseppe Giordano, Gaetano Arpaia, Giuseppe Curcio, Mario Sesto e Luigi Gallo, per denunciare tale condotta ritenuta scorretta, la Corte dei Conti ha, in effetti riconosciuto essere quest’ultima, una vera e propria pubblicazione da campagna elettorale.

E’ trascorso circa un mese ormai, dalla notizia della sentenza della consulta, ma il presidente Petrilli, condannato a risarcire per aver utilizzato i soldi dei cittadini proprio come un “calesse personale”, è ancora lì al suo posto!

Ora vi chiediamo: “ma voi affidereste mai una vostra bottiglia di vino del miglior “Brunello di Montalcino” a chi è stato appena colto a bere da bottiglie non sue?“. Noi no, non lo faremmo, ed in attesa delle dimissioni di Petrilli – che tra l’altro risulterebbe incompatibile con la propria posizione fino al momento in cui non estinguerà il debito con l’Ente comunale – abbandoneremo la carica all’interno del Consiglio d’Amministrazione che, sin dall’inizio, avevamo accettato con grande spirito di collaborazione.

Clicca qui per visualizzare la nota ufficiale di dimissioni dal CdA.

Il tutto con l’intento di riportare in auge una manifestazione dedicata al “nostro” Massimo Troisi che, per le sue qualità artistiche, può senza dubbio essere paragonato all’eccellenza dei vini italiani, ovvero ad un Brunello di Montalcino!

Tags: , , , , , , ,

Comments are closed.